Atalanta-Juventus 2-2, Allegri: «Perdo la pazienza per certe frasi dei presidenti»


«Ho perso la pazienza. Mi girano le scatole, non sono di buon umore». Il pareggio a Bergamo non va giù a Massimiliano Allegri, arrabbiato per il 2-2 con l’Atalanta e il rosso a Bentancur. «Non parlo mai degli arbitri. Banti ha arbitrato bene, ma succedono cose… – ha aggiunto il tecnico bianconero ai microfoni di Sky nel dopogara -. Ci sono dichiarazioni pesanti di responsabili di società verso arbitri nei dopo partita, si fa i moralizzatori e poi si fa così. Allora mi arrabbio anch’io, non va bene. Sono amareggiato… In Italia tanto non si migliorerà mai nonostante certe belle parole. Dispiace, perché anche fuori dal campo succedono cose, si parla tanto del comportamento. Ci sono dichiarazioni pesanti di responsabili di alcune società nei confronti degli arbitri, quindi ci sta che mi possa arrabbiare anche io. Sono un po’ amareggiato, in Italia non si può fare così, non impareremo mai».

Allegri non fa nulla per nascondere il proprio fastidio, che sembra più per certe dichiarazioni fatte da presidenti (vedi Aurelio De Laurentiis, che alla Vigilia di Natale ha sparato preventivamente su Mazzoleni, che dirige Inter-Napoli) nei giorni scorsi che per il risultato di Bergamo. «Non è carino, elegante, fare certe dichiarazioni – dice ancora l’allenatore della Juve -. Dobbiamo essere noi ad educare i tifosi. Se parlassi io, adesso, succederebbe un casotto. In Italia non si impara mai. Poi quando ci sono degli incidenti, ci lamentiamo se mettono in mezzo i bambini, e se i tifosi non vengono più allo stadio».

Poi qualche battuta sulla partita: «La squadra ha fatto un buon primo tempo, loro hanno fatto gol sull’unica occasione avuta – spiega Allegri -. Sapevamo che la partita sarebbe stata difficile, ma potevamo anche raddoppiare dopo lo 0-1. Nella ripresa siamo andati in inferiorità numerica, l’abbiamo recuperata e potevamo anche vincere. Alla fine è un buon punto contro un’ottima squadra. Ci tenevamo a vincere questa gara, ora sotto con la sfida contro la Sampdoria. La formazione? Senza Pjanic ho preferito far giocare Bonucci. Emre Can ha fatto una buona partita davanti alla difesa, come Khedira al rientro. Dispiace, perché volevamo vincere anche questa e non ci siamo riusciti».

26 dicembre 2018 (modifica il 26 dicembre 2018 | 17:51)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *