Atalanta-Juve, le pagelle Atalanta: Castagne super, Gomez illumina


Berisha 6

Nel primo tempo si gode lo spettacolo, nella ripresa respinge con prontezza il tiro di Khedira.

Toloi 7

Fisico e testa, a suo agio nella difesa bergamasca. Una prova da incorniciare, sempre attento e preciso, anche decisivo in avvio di ripresa quando anticipa Ronaldo.

Djimsiti 7

Prima era solo una riserva, ora un titolare quasi inamovibile: se continua cos dove arriver a fine stagione? Non si fa mai sorprendere e in attacco tenta il gol di testa con una bella girata senza trovare lo specchio della porta.

Palomino 6

Un paio di errori sporcano la sua prestazione, ma non l’affossano.

Hateboer 6,5

Attacca e difende sulla fascia destra, dinamismo e forza al servizio dell’Atalanta.

De Roon 7

Una partita di grande sostanza. Si abbassa davanti alla difesa, riesce a sveltire il gioco, si oppone ai fisici centrocampisti della Juve.

Freuler 7

Pi dinamico del compagno, un motorino inesauribile.

Castagne 7,5

Parecchie squadre lo avevano chiesto al mercato di gennaio, ma Gasperini ha posto il vero e ancora una volta ci ha visto lungo. Il terzino una furia sulla corsia sinistra e segna il gol, rubando palla allo spaesato Cancelo, che d il via alla festa.

Gomez 7

Da trequartista segna di meno ma aiuta tantissimo i compagni legando il gioco alla perfezione. Un suo diagonale, dopo un dribbling strettissimo, diventa la parata pi difficile di Szczesny.

Ilicic 6

Trotterella cercando la posizione sino al momento dell’infortunio.

Zapata 8,5

Gli aggettivi sono finiti per questo Nembo Kid dell’aria di rigore. la sintesi di una squadra meravigliosa, il cecchino che trasforma il gioco in gol. La seconda doppietta alla Juve in un mese manda Bergamo in paradiso.

Pasalic 7

Entra al posto di Ilicic e migliora la squadra, giocando sulla stessa linea di Gomez dietro lo scatenato Zaata. Mette lo zampino nel secondo gol.

Gasperini 8

Tre reti alla Roma in rimonta, altre tre alla Juve. La sua Atalanta la prima squadra italiana a vincere contro i cannibali. Ma come lo fa che desta impressione: dominando in lungo e in largo.

31 gennaio 2019 (modifica il 31 gennaio 2019 | 10:00)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *