Assemblea Telecom, prove di pace tra Elliot e Vivendi: la richiesta di revoca dei consiglieri potrebbe non essere votata


Con un affluenza del 66,6% si aperta questa mattina a Rozzano l’assemblea di Tim. Diversi i punti all’ordine del giorno. Innanzi tutti l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2018, oltre al conferimento dell’incarico di revisione per il periodo 2019-2017. Ma il nodo di oggi resta la richiesta di Vivendi, socio di maggioranza del gruppo italiano di tlc con il 23,94% che punta a sostituire cinque consiglieri nominati dal fondo Elliott, al 9,55% del capitale. E su questo tema Bava, socio indipendente di Tim, ha proposto di non mettere al voto la revoca dei cinque consiglieri. La proposta di rimozione dovrebbe essere votata prima del punto uno dell’assemblea, ossia l’approvazione del bilancio.

Segnale di distensione

Un gesto che potrebbe rappresentare quel segnale di distensione accennato negli scorsi giorni dalla stessa Vivendi. Distensione che si riflette anche nelle parole del presidente, Fulvio Conti, che nel discorso di apertura ha auspicato un abbassamento dei toni, per tornare a concentrarsi sulla priorit di Tim: Il successo industriale e commerciale. Per questo, ha aggiunto, mi auguro che si lavori tutti assieme alla realizzazione del piano industriale.

Le parole dell’ad Gubitosi

Sullo stesso piano il breve discorso di Luigi Gubitosi, alla sua prima assemblea Tim in veste di amministratore delegato. Vivendi ha molto da dare a Tim e viceversa. Spero non ci sia una divisione sul voto che comunque lascerebbe una frattura sbagliata. Il nostro obiettivo far tornare sui giornali Tim unicamente per i motivi giusti: risultati da pubblicare, successi industriale. Deve tornare a essere un’azienda normale. In assemblea cresce la sensazione che per evitare complicazioni, tutti i soci, francesi compresi, si allineeranno sulla proposta di non votare la revoca.


http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *