Angeloni: «Fra l’Italia e la Ue ora serve un grande accordo»


Ignazio Angeloni stato ai vertici della ricerca della Banca centrale europea dal 1998 ed fra i pochissimi che nel 2014 hanno avviato la vigilanza dell’Eurotower sulle banche europee. Venerd il suo compito si esaurito e lui si prepara a un incarico a Harvard. Per la prima volta, libero di dire la sua sul ruolo dell’Italia in Europa.

L’economia va male. Colpa delle guerre commerciali, dalla frenata europea o dell’Italia stessa?
La tempistica del rallentamento, iniziato gi nella seconda met dell’anno scorso, e il peso della frenata della domanda, legata a un calo della fiducia, fanno pensare che hanno giocato i fattori italiani. Poi sicuramente si sono fatte sentire entrambe le componenti, interna e estera.

Se l’Italia cresce sempre un punto meno dell’Europa, non normale essere fermi se l’Europa cresce all’1%?
Un ingrediente della recessione legato a carenze strutturali che frenano la crescita rispetto agli andamenti europei. Ma preoccupa che l’Italia abbia rallentato prima e di pi. Servirebbero riforme che eliminassero quello zoccolo dell’1% fra noi e l’Europa.

Data la debolezza del potere d’acquisto delle persone, il governo cerca di sostenere la crescita con la spesa pubblica. Pu funzionare?
Vanno usati tutti gli spazi di bilancio che non rischino di essere controproducenti. I Paesi che hanno margini, hanno pi libert di manovra. Quelli che subiscono oneri aggiuntivi causati dalla sfiducia, eliminabili senza costi, come prima cosa devono eliminarli. Una volta che la fiducia sia ristabilita, magari ci sono dei margini di manovra che si possono usare. Ma l’esigenza primaria la fiducia. Senza, nessuno spende n investe.

Il debito e il deficit stanno salendo: l’Italia dovr affrontare una forte correzione del bilancio?
Il 2019 andato, ormai si ragiona sul 2020. l che bisogna stare attenti a non uscire dai vincoli. Dobbiamo trovare un accordo positivo e produttivo con l’Europa. Il calo della fiducia in parte generato dalla sensazione che si data in Italia di voler entrare in conflitto con le istituzioni europee. Ha pesato il rischio che Italia uscisse dal cordone di sicurezza. Per questo un atteggiamento pi costruttivo pu aiutare molto.

L’Europa chiede riforme, il governo sostegno ai redditi e agli investimenti. Un compromesso possibile?
Certo. Anche in altre capitali ci si rende conto che qualche errore in passato stato fatto e ora si tratta di aiutare anche l’Italia a stabilizzarsi. Dobbiamo azzerare gli orologi e raggiungere un grande accordo. Se l’Italia si presentasse con un piano credibile di investimenti e riforme, credo ci sarebbe disponibilit a prenderlo in considerazione.

Cos’ un piano credibile?
Il sostegno alla domanda dev’essere qualificato, con investimenti e non con spesa corrente. Italia e anche Germania hanno entrambe bisogno di investimenti. Se l’Italia si proponesse con un piano serio, anche sulla base di un aiuto europeo sottoposto a un vaglio, l’Europa non si volterebbe dall’altra parte. Tutti sanno che il Paese ha bisogno di investimenti in capitale umano e fisico, oltre che riforme per liberare il mercato dal lato dell’offerta. Ma tutto resta bloccato perch si ha la sensazione che l’Italia sia un Paese che non collabora.

Spiega cos il fatto che i tedeschi resistono a un piano di rilancio dell’area euro con investimenti pubblici?
Questo vero a tutto campo, nella politica di bilancio e nella regolamentazione bancaria. Se l’Italia d la sensazione di non voler far parte compiutamente del quadro di regole europee, d una scusa a quelli che vogliono frenare nella messa in comune dei debiti bancari, nell’assicurazione sulla disoccupazione o nei rischi di bilancio. Chi frena ha un argomento incontrovertibile: non possiamo fidarci dell’Italia. Il problema che nessuno si fida pi di nessuno. il punto da cambiare per costruire condizioni migliori.

Lei dice che in Europa si capiscono certi errori nei confronti dell’Italia. Pensa al divieto di usare il Fondo di tutela dei depositi per stabilizzare le banche? I giudici Ue dicono che era infondato.
Se il giudizio sar confermato, ci vorr dire che la Commissione ha sbagliato nell’applicare le nuove regole sugli aiuti di Stato alle banche in modo frettoloso e impreciso. Ma non che sostenere a oltranza banche che non stanno sul mercato fosse una buona politica. N che se si fosse potuto usare il Fondo di tutela per ricapitalizzare le banche, sarebbe cambiato tutto. In fondo con Atlante e con il fondo volontario molti costi dei dissesti bancari sono comunque ricaduti sul settore del credito.

Si sarebbe evitato di colpire i risparmiatori, con tutto ci che ne seguito…
Vero. Per si dovevano togliere prima i titoli subordinati dai loro portafogli. Ora bisogna ripartire ripensando a come meglio applicare le regole europee, senza demolire il bail-in e cio l’idea che certe categorie devono essere consapevoli del rischio che si assumono comprando titoli bancari a pi alto rendimento. Ma evitiamo di dire ‘‘avevamo ragione noi’‘ per gestire ancora i problemi delle banche decotte addossandole alle banche sane.


http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *