Allegri sprona la Juve: «Rischiamo di adagiarci, ma non deve succedere»


“Bisogna riprendere seriamente il cammino in campionato”. Alzata la Supercoppa, Massimiliano Allegri non vuole brutte sorprese dall’avvio del girone di ritorno. “Il rischio è di adagiarsi e non deve succedere perché altrimenti rischiamo di compromettere tutto in poco tempo – avverte il tecnico della Juve -. Tra poco avremo un’altra partita da dentro o fuori, in coppa Italia contro l’Atalanta: significa che ogni giorno bisogna lavorare per migliorare la condizione fisica e la qualità del gioco. Per questo bisogna avere la testa giusta, venire al campo per fare fatica e raggiungere gli obiettivi per cui lavoriamo. In caso contrario, avremo sempre alti e bassi e questo non deve assolutamente accadere, soprattutto nella seconda parte di stagione”. Le intenzioni sono chiare, quindi: “Per questo con il Chievo, che è una squadra molto viva e che con Di Carlo ha ritrovato l’entusiasmo per credere ad una salvezza sicuramente difficile, voglio subito un impatto sulla gara, con aggressività”.

Situazioni da correggere

Anche contro il Milan, Max ha individuato una situazione da correggere: “Dobbiamo migliorare nel chiudere le partite; dobbiamo capire che, quando avversario sta per morire, va ucciso; non bisogna dargli la possibilità di sopravvivere. Ma è essenzialmente una questione di testa”. Insiste molto sull’aspetto psicologico, Allegri. “Questa società ha un Dna che fa la differenza: tutti i giorni tiene il piede sull’acceleratore, ogni giorno lavori per migliorare, altrimenti non riesci a combattere per tutti gli obiettivi. La cosa più difficile è lottare per il campionato, perché non ti puoi permettere momenti di pausa. E questa è la forza della Juve, una forza di testa, mentale”. Contro il Chievo ci sarà un po’ di turnover: turno di riposo per Szczesny, Chiellini, Cancelo e Bentancur (recuperato dopo la botta alla coscia rimediata a Gedda). “Il nostro acquisto del girone di ritorno sarà Khedira” riconosce Allegri, visto che il tedesco è stato a lungo penalizzato da problemi fisici nella prima metà di stagione. Domani sarà titolare a centrocampo con Emre Can e Matuidi (Pjanic è squalificato). In attacco Ronaldo, Dybala e Bernardeschi, in vantaggio su Douglas Costa. Mandzukic, invece, potrebbe tornare la prossima settimana contro la Lazio.

20 gennaio 2019 (modifica il 20 gennaio 2019 | 16:49)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *