All’asta le Camaro dei Transformers


Bumblebee va all’asta. Per chi si fosse perso gli ultimi sviluppi cinematografici parliamo del Maggiolino, uno dei personaggi pi amati dei Transformers, franchise nato nel 1984 da un cartone animato che vedeva automobili trasformarsi in robot extraterrestri. Da l sono nati sei film di cui uno incentrato proprio su questo personaggio tutto giallo.

Se per negli anni ’80 Bumblebee era un sobrio Volkswagen Maggiolino (anche se bumblebee significa bombo e non maggiolino, l’insetto) oggi nei film il robot appare nelle vesti di una pi performante Chevrolet Camaro. O per meglio dire le Camaro, al plurale, perch finora nei vari film ne sono apparse cinque, un concept e quattro regolari, e proprio queste ultime saranno battute all’asta il 19 gennaio a Scottsdale, in Arizona.

La storia per non finisce qui perch la Camaro intimamente legata ai Transformers. A met anni 2000, Chevrolet stava pensando di rilanciare la vettura con un quinto modello (l’originale del ’67) e il concept che lo anticipava fin proprio nel primo film dei robot, quello firmato da Michael Bay nel 2007. Nel 2009 la Gm rilanci l’accoppiata con un’edizione speciale della vettura in occasione dell’uscita del secondo capitolo, Transformers – La vendetta del caduto.

Ovviamente la vettura era tutta gialla, o meglio Rally Yellow come lo chiamano in Chevrolet, e con due vistose bande nere. Insomma, la Camaro era ormai Maggiolino e la conferma arriv dalle tre pellicole successive, Transformers 3 del 2011, Transformers 4 – L’era dell’estinzione del 2014 e infine Transformers – L’ultimo cavaliere del 2017.

Va detto che le vetture non sono omologate, sono state pensate come vetture di scena e quindi nemmeno immatricolate. Ad ogni modo gli appassionati potranno partecipare all’asta anche online. Il sito di riferimento quello di Barrett-Jackson, una delle maggiori case d’aste globali dedicate alle automobili.

17 gennaio 2019 (modifica il 17 gennaio 2019 | 11:31)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/motori.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *