Alitalia, manca ancora il 40% Il pressing del governo su Atlantia


Ad Alitalia manca ancora il 40% e circa 270-280 milioni da trovare per partire con il nuovo piano industriale. Manca ancora un socio forte per la compagine azionaria della newco. Che al momento prevederebbe Ferrovie dello Stato al 30%, il ministero del Tesoro al 15% per effetto della conversione in capitale di una parte del prestito ponte dello Stato, e Delta Air Lines con un altro 15% frutto di un investimento potenziale di 100 milioni che potrebbe per salire nei prossimi anni. stata sondata Atlantia, la capogruppo di Autostrade per l’Italia e degli Aeroporti di Roma, affinch partecipasse all’operazione.

Venerd si riunito il cda e potrebbe essercene un altro in settimana ma l’amministratore delegato, Giovanni Castellucci, ritiene non sia praticabile un intervento in Alitalia per il rischio di ulteriori ricapitalizzazioni nei prossimi anni difficilmente digeribili dagli azionisti di Atlantia. Il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ieri ha continuato a definirsi ottimista sulla vicenda parlando della necessit di avere lo Stato nella compagnia per le strategie turistiche dei prossimi anni. Alitalia ha ancora cassa per quasi un anno ma chiaro che il termine del 30 aprile incombe. E Lufthansa potrebbe diventare l’unica alternativa.


http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *