Ajax-Juventus di Champions League, decine di tifosi bianconeri fermati ad Amsterdam


Diverse decine di tifosi della Juventus sono stati posti in stato di fermo ad Amsterdam dalla polizia olandese a poche ore dall’inizio dell’incontro di Champions League tra i bianconeri e l’Ajax. I sostenitori arrivati dall’Italia sarebbero stati trovati in possesso di mazze, coltelli, bastoni e altri oggetti proibiti. Secondo quanto riporta il quotidiano olandese De Telegraaf «decine di tifosi sono stati portati in un centro di detenzione». Il gruppo è stato fermato all’uscita della metropolitana nei pressi della Johan Cruijff Arena, lo stadio dove è prevista la partita. Anche unità della polizia italiana hanno collaborato con i colleghi olandesi. Anche il ministro dell’interno Matteo Salvini ha confermando la notizia parlano di 120 fermati e invitando i sostenitori bianconeri a mantenere la calma.

Gli arresti dei tifosi italiani sono avvenuti in due circostanze: nel pomeriggio un primo gruppo è stato intercettato in una stazione della metropolitana in centro. Alla vista degli agenti gli ultrà juventini hanno gettano bastoni e altri oggetti a terra e hanno provato a scappare. Poche ore dopo la scena si è ripetuta nei pressi dello stadio. La possibilità di scontri violenti tra le opposte era nell’aria e questo ha fatto scattare in anticipo un dispositivo di sicurezza stringente; sui profili twitter di capi ultrà dei «lancieri» da settimane comparivano appelli che sembravano alludere a scontri con i rivali della Juve. La tensione alla vigilia dell’andata dei quarti di Champions è comunque alta: ad Amsterdam vengono segnalati anche scontri tra gli ultrà dell’Ajax e la polizia che ha fatto ricorso a idranti e cariche a cavallo.

10 aprile 2019 (modifica il 10 aprile 2019 | 20:50)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *