3-0 e adesso la Juventus è a –


Un Napoli efficace e pratico batte 3-0 l’Udinese alla Dacia Arena e continua a inseguire la Juve. Ora gli azzurri sono a – 4 dai bianconeri. Le reti di Fabàn nel primo tempo, di Mertens su rigore e Rog nella ripresa. Adesso sotto con la supersfida Champions al Psg.

RILEGGI LA DIRETTA

LA PARTITA

Pronti, via e Verdi si fa male subito da solo. L’attaccante si accascia dopo uno scatto ed entra al suo posto Fabian Ruiz. Il Napoli fa la partita e al 9′ Callejon va al tiro: potente ma centrale. I friulani sono più coperti del solito, badano a non prenderne e a far male con Lasagna là davanti. 

Callejon ha ancora un’occasione da gol all’11 ma il tiro è alto. E’ solo questione di minuti, perché al 13′ Fabiàn sfodera dal cilindro un eurogol dalla distanza; tiro a giro e Scuffet battuto. 

L’Udinese non sta a guardare e si rende pericolosa con De Paul e Fofana. Il Napoli tiene e cerca di condurre il match con un buon palleggio. 

Al 23′ errore grave di Albiol che lascia campo libero a Lasagna, ma Karnezis ci mette una pezza. Al 25′ Zielinski va al tiro dalla distanza: è un tiro-cross che va fuori. Al 31′ è ancora il polacco ad andare al tiro complice un grande assist di Allan, ma l’occasione è sprecata. 

Un minuto dopo è Lasagna ad andare pericolosamente al tiro, su assist di De Paul: Karnezis è attento. Arriva dunque la volta di Mertens: destro a giro fuori di un soffio. 

Al 35′ Milik si fa ammonire per un fallo su De Paul che richiede anche l’intervento del Var: il giallo è confermato. Il polacco poi va due volte al tiro dopo il 40′ ma è impreciso. 

Al 44′ intervento in ritardo per Albiol e cartellino giallo per lo spagnolo. Pericolo al 48′ quando Pussetto mette i brividi a Karnezis che rimedia in due tempi. Al 49′ Lasagna va al tiro lasciato solo ma sbaglia la conclusione. Finisce così il primo tempo. 

«Il pari della Juve ci ha caricati? Ma no, guardiamo a noi stessi, non alle altre squadre, e siamo venuti qua per vincere. Sta andando bene, ma manca ancora molto alla fine e per portarci a casa i tre punti. Abbiamo sofferto un po’ alla fine, prima potevamo e dovevamo raddoppiare ma non ci siamo riusciti». Zielinski a Dazn nell’intervallo.

Nella ripresa il Napoli prova a gestire e l’Udinese cerca di approfittare di qualche distrazione, alzando il baricentro. Il nervosismo aumenta: Allan si fa ammonire, Ancelotti per poco non viene espulso. Karnezis salva al 56′ dopo uno svarione in area. 

Al 60′ Koulibaly salva su Lasagna in modo provvidenziale. Al 66′ è Zielinski a essere pericoloso in area e per poco l’Udinese non fa autogol con Samir. 

Al 73′ Ancelotti, non contento della gestione della palla, cambia: Hamsik per Milik. Un minuto dopo Mertens cade in area ma l’arbitro lascia proseguire. 

Al 78′ fallo di mano di Opoku in area, su tiro di Callejon. Rigore per gli azzurri, dopo il check Var Mertens va a battere e non sbaglia: 2-0 Napoli.

Entra anche Rog, al posto di Zielinski. Appena entrato, il croato va in rete: gran destro e in area su assist di Mertens e palla in rete per il 3-0. Il match finisce così. 
 

LE FORMAZIONI UFFICIALI

UDINESE (4-4-1-1)
22 Scuffet; 19 Stryger Larsen, 5 Troost-Ekong, 17 Nuytinck, 3 Samir; 11 Behrami; 72 Barak, 6 Fofana, 38 Mandragora, 10 De Paul; 15 Lasagna.
A disposizione: 1 Musso, 88 Nicolas, 4 Opoku, 2 Wague, 18 Ter Avest, 99 Balic, 21 Pontisso, 23 Pussetto, 9 Vizeu, 77 D’Alessandro, 91 Teodorczyk. All. Velazquez. 

NAPOLI (4-4-2)
27 Karnezis; 2 Malcuit, 33 Albiol, 26 Koulibaly, 23 Hysaj; 7 Callejon, 5 Allan, 20 Zielinski, 9 Verdi; 14 Mertens, 99 Milik. 
A disposizione: 25 Ospina, 22 D’Andrea, 19 Maksimovic, 6 Mario Rui, 30 Rog, 42 Diawara, 17 Hamsik, 8 Fabian Ruiz. All. Ancelotti. 

ARBITRO: Mariani di Aprilia

© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *